Lasciate che a commentare le elezioni siano gli editorialisti. Così il ‘New York Times’ invita i redattori ad evitare giudizi ed endorsement sui social durante le presidenziali Usa

Condividi

Per la seconda volta in tre mesi, lo standards editor del ‘New York Times’, Phil Corbett ha richiamato i giornalisti della redazione a non fare commenti né endorsement sulle elezioni presidenziali Usa sui social network, come Twitter e Facebook.

Apparentemente, come spiega il public editor del ‘Times’, non ci sarebbero state particolari violazioni a giustificare la correzione di Corbett giunta via mail ai giornalisti.

“Tutto ciò che pubblichiamo online ha un valore pubblico e tutto ciò che facciamo in pubblico può essere associato al ‘Times'”, spiega Corbett nel suo messaggio. “Lasciamo che a svolgere la funzione dell’editorialista siano i nostri colleghi del ‘Opinion side’”.

La prossima volta, puntualizza il public editor, Liz Spayd, non sarà più una lettera a richiamare i redattori che sbagliano, ma un “calcio” ben assestato.