Copie digitali in calo per Repubblica. Russo (Gruppo Espresso): abbiamo scelto di non rinnovare abbonamenti frutto di politiche di marketing aggressive

“Le copie singole digitali di Repubblica registrano da questo mese un sensibile calo. Sono giunti a scadenza allineata una serie di abbonamenti, frutto di politiche di marketing aggressive, rivolte anche ai residenti all’estero”. Massimo Russo, direttore generale della Divisione Digitale, commenta i risultati relativi a Repubblica certificati dagli ultimi dari rilasciati da Ads.  

“Abbiamo deciso di non rinnovarle perché non vantaggiose sotto il profilo economico, anche se si tratta di operazioni che spesso la concorrenza continua a valutare in modo positivo. Si tratta di una decisione coerente con la linea sempre tenuta e con quanto fu fatto a suo tempo per le copie cartacee, in ottica di razionalizzazione e trasparenza.”

Massimo Russo

Massimo Russo

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa