Gomez fa autocritica sul caso di Tiziana Cantone: “Dobbiamo riflettere e verificare prima di raccontare le storie che circolano sulla rete”

Peter Gomez, direttore di ilfattoquotidiano.it fa autocritica sul caso di Tiziana Cantone, la giovane napoletana che si è suicidata dopo essere stata perseguitata e sbeffeggiata per mesi a causa di un video hard diffuso a sua insaputa da suoi presunti amici e diventato subito virale in rete. Il sito del Fatto aveva pubblicato tempo fa un articolo sul fenomeno esploso intorno al nome della ragazza, senza approfondire il caso ma limitandosi a segnalarlo come un fatto di costume.

“Quanto accaduto non può e non deve essere risolto con la semplice cancellazione di ciò che era stato scritto”, scrive Gomez. “Impone una riflessione su quello che possiamo fare qui a ilfattoquotidiano.it. Anche davanti a storie e vicende già pubblicate da altri o già conosciute tramite i social da milioni di persone, il nostro giornale online deve riflettere dieci minuti di più prima di commentare o raccontare. Non per dare lezioni a nessuno (che evidentemente mai come in questo caso non siamo in grado di dare), ma per poter dire a noi stessi che abbiamo fatto fino in fondo, con correttezza, il nostro dovere. Se non siamo in grado di farlo, a causa del super-lavoro, dobbiamo non pubblicare”.

Peter Gomez (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

Nyt, Figaro, Monde, Faz, Pais: la scomparsa di Camilleri fa il giro del mondo online

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti

L’Ue apre indagine antitrust su Amazon. Nel mirino l’uso dei dati dei rivenditori indipendenti