Maurizio Lucchi nominato nuovo direttore de ‘La Prealpina’. Succede a Paolo Provenzi

Maurizio Lucchi, 59 anni, milanese, da oggi è il nuovo direttore responsabile del quotidiano varesino ‘La Prealpina’. Succede a Paolo Provenzi, ed è il ventitreesimo direttore del giornale fondato nel 1888 da Giovanni Bagaini. Giornalista professionista dal 1988, Lucchi ha lavorato per un trentennio, dal 1986, alla redazione dell’Ansa di Milano, dove fino allo scorso agosto era caporedattore.

Negli anni precedenti, durante gli studi universitari, ha collaborato con diverse testate tra cui proprio ‘La Prealpina’, dove iniziò il suo percorso professionale diventando giornalista pubblicista. Assunto poi come corrispondente da Varese al quotidiano ‘Il Giorno’ e alla stessa Ansa, negli anni Ottanta ha lavorato anche per alcune radio e ha collaborato con il settimanale ‘Epoca’.

“Il mio impegno è quello di lavorare per rilanciare il quotidiano stampato, accanto a quello on line, contando su un editore coraggioso che crede nell’impresa”, ha spiegato Lucchi. “E soprattutto per ridare centralità al ruolo del giornalista, vero perno dell’informazione. Una battaglia complessa ma che vale la pena di essere affrontata specialmente in un momento di grave crisi dell’editoria”. Il piano editoriale, presentato oggi dal neo direttore durante l’insediamento, segnala Ansa, è stato approvato all’unanimità.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sky Italia, a Sarah Varetto la responsabilità della comunicazione, Public Affairs a Scrivo; Advertising e Partnerships a Tesoro Tess

Sky Italia, a Sarah Varetto la responsabilità della comunicazione, Public Affairs a Scrivo; Advertising e Partnerships a Tesoro Tess

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali

Riforma dello Sport, il Coni vota un documento contro il testo: servono autonomia e applicazione della Carta Olimpica

Riforma dello Sport, il Coni vota un documento contro il testo: servono autonomia e applicazione della Carta Olimpica