Cerchiamo la formula migliore per rispondere alle richieste del pubblico, dice la presidente di Fabbrica del Libro, Renata Gorgani. Oggi il primo incontro del tavolo di lavoro sulle manifestazioni congiunte tra Milano e Torino

“Ci auguriamo di trovare la formula migliore che risponda alle richieste del pubblico, dei lettori e di tutta la filiera del libro”. Lo ha detto oggi Renata Gorgani, presidente Fabbrica del Libro, dopo l’incontro del gruppo di lavoro sulle manifestazioni di Milano e Torino. Il tavolo tecnico, con Massimo Bray per la Fondazione torinese, la Gorgani per la Fabbrica milanese e i rappresentanti dei ministeri della Cultura Rossana Rummo e dell’Istruzione Arnaldo Colasanti, si è riunito per trovare una linea possibile per il prossimo Salone del Libro, evento unico in contemporanea a Milano e Torino, secondo le indicazioni del ministro Dario Franceschini, in vista del prossimo incontro di martedì 20 settembre.

“Stiamo lavorando e continueremo a farlo in vista dell’incontro di martedì con il ministro”, ha spiegato Gorgani secondo quanto riporta Ansa. “Abbiamo fissato un nuovo incontro nei prossimi giorni. Non possiamo e non vogliamo entrare nel merito di ciò che ci siamo detti oggi proprio per rispetto al lavoro del tavolo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ue a difesa giornalisti: Stati membri garantiscano sicurezza. Nel 2020 oltre 900 attacchi a reporter, tutelarli anche online

Ue a difesa giornalisti: Stati membri garantiscano sicurezza. Nel 2020 oltre 900 attacchi a reporter, tutelarli anche online

Roberto Sergio (Rai Radio) chiede switch off Fm, rilevamento passivo degli ascolti e investe sui podcast

Roberto Sergio (Rai Radio) chiede switch off Fm, rilevamento passivo degli ascolti e investe sui podcast

Fnsi. Giulietti: Unire categoria per futuro di giovani e precari. Lorusso: Indebolire informazione è indebolire democrazia

Fnsi. Giulietti: Unire categoria per futuro di giovani e precari. Lorusso: Indebolire informazione è indebolire democrazia