Nessuna responsabilità del Cda Rai sulle nomine coinvolte nella denuncia dell’Autorità anti-corruzione, dice il consigliere Diaconale: chiamare in causa l’Anac fa pensare alla gente che la corruzione dilaghi a Viale Mazzini

”Chiamare in causa l’Anac e Raffaele Cantone su questioni procedurali relative alle nomine Rai comporta il rischio di ingenerare nell’opinione pubblica la convinzione che la corruzione stia dilagando a Viale Mazzini. Per questo credo indispensabile fare la massima chiarezza sulle nomine segnalate dall’Anac definendo al più presto le responsabilità in materia. 

Nessuna di esse comunque può essere addebitata al consiglio di amministrazione che ha approvato il piano della trasparenza (cosiddetto piano anticorruzione, ndr) ma non è stato mai coinvolto in
alcun modo nella sua applicazione e quindi nell’eventuale job posting”. Lo ha detto all’Adnkronos il consigliere Rai, Arturo Diaconale.

Arturo Diaconale (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti