La censura Anac sulle nomine Rai travisata o nascosta nei tg. L’Usigrai: il servizio pubblico ha il dovere di far conoscere le motivazioni della delibera

L’Usigrai torna sulla delibera dell’Anac sulle nomine Rai e, dopo una prima nota diffusa nella serata di ieri, nella quale il sindacato dei giornalisti della tv pubblica aveva parlato di una “censura senza precedenti” per i vertici di viale Mazzini, accusa i tg del servizio pubblico di non aver affrontato adeguatamente la questione. “È inaccettabile che la pesante censura arrivata dall’Anac sia stata travisata o nascosta nei Tg Rai. Salvo rare eccezioni, ai cittadini non è stata data una informazione corretta e completa”.

Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai

Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai

“La Rai”, denuncia l’esecutivo Usigrai, “ha il dovere di far conoscere in maniera esaustiva le motivazioni della delibera dell’Autorità anticorruzione. Se non lo fa con urgenza”, conclude la nota, “l’Usigrai attiverà le procedure per la lettura di un comunicato in tutti i tg e giornali radio per garantire il diritto dei cittadini a sapere”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Malagò (Coni): con calcio il nostro mondo è più forte, serve totale sintonia. Mio programma per le elezioni? Lo presenterò il 13 maggio

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez