I rilievi Anac sulle nomine Rai non sono un attacco a nessuno, dice il sottosegretario Giacomelli. Un atto dovuto che Cda e dg prendano iniziativa. Il governo attende decisioni dell’azienda

Un “atto dovuto” la riunione del Cda Rai che oggi è stata convocata per valutare i rilievi giunti dall’Anac. È il sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli a definire così all’Adnkronos la riunione straordinaria del board di viale Mazzini.

Antonello Giacomelli (foto Olycom)

Antonello Giacomelli (foto Olycom)

“Non mi pare niente di straordinario che il Cda e il direttore generale si riuniscano per valutare come ottemperare ai rilievi che sono venuti dall’Anac“, ha detto Giacomelli.

“Non mi sembra – ha aggiunto il sottosegretario – né un attacco né la messa in mora di nessuno, ma un atto dovuto che gli organi aziendali prendano atto dei rilevanti rilievi” dell’Autorita presieduta da Cantone e che “decidano le necessarie iniziative”.

“Il governo aspetterà le decisioni aziendali e le valuterà”, ha spiegato Giacomelli, secondo cui il tema oggetto del Cda straordinario di oggi “riguarda prima di tutto gli organi che amministrano la Rai; non è una competenza politica e di governo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole