Dialogo aperto con Torino fino all’incontro con il Ministro Franceschini, dice Aie. Stupiti dalle indiscrezioni di stampa

“Il dialogo con Torino ci risulta ancora aperto e lo sarà fino all’incontro di domani con il ministro Franceschini”. Lo spiega l’Associazione italiana editori sottolineando di “apprendere con stupore quanto emerge sugli organi di informazione”. Le indiscrezioni, spiega Ansa, parlavano di una frattura che si sarebbe consumata oggi nella pre-riunione al Ministero dei Beni culturali, alla quale hanno partecipato i quattro ‘tecnici’ Massimo Bray, Renata Gorgani, Arnaldo Colasanti e Rossana Rummo.

A scatenare la tensione sarebbe stata la proposta presentata dalla Gorgani a nome della filiera milanese. L’Aie, viene affermato in una nota al termine della riunione, “ha presentato una proposta articolata che tiene conto, come hanno chiesto i ministri, dell’intera filiera del libro. L’obiettivo è creare una grande manifestazione che possa coinvolgere tutti i sette milioni di lettori della Lombardia e del Piemonte e attrarre pubblico e professionisti da tutto il Paese. Un grande e unico evento che veda ogni luogo valorizzato in una sua specificità”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast