Oggi la consegna da parte di papa Francesco a monsignor Viganò dello statuto che ufficializza funzioni e competenze della nuova struttura per la comunicazione della Santa Sede

Con una cerimonia ufficiale papa Francesco consegnerà oggi pomeriggio nelle mani di Monsignor Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria Pro Comunicazione, lo Statuto che ne stabilisce irrevocabilmente le funzioni e le competenze, disponendo la creazione di una inedita struttura che avrà il compito non di coordinare, ma di ‘incorporare’ tutte le realtà della Santa Sede che si occupano della comunicazione, “affinché l’intero sistema risponda in modo coerente alla necessità della missione evangelizzatrice della Chiesa”.

Nella foto Papa Francesco e Monsignor Dario Edoardo Viganò

“Il processo è stato lento perché si trattava di mettere a punto una nuova realtà in modo irreversibile”, ha spiegato Monsignor Viganò a Prima Comunicazione. Resta ora da redigere il regolamento che guiderà in modo coerente le varie componenti dell’universo comunicativo del Vaticano.

“Ho un forte senso di gratitudine nei confronti del Santo Padre”, ha concluso Monsignor Viganò, “che ha voluto seguire passo dopo passo questo processo di riforma come del resto sono profondamente grato alla Segreteria di Stato che, anch’essa, non solo non ci ha abbandonato ma ci è rimasta vicino durante un periodo piuttosto complesso di elaborazione”.

Leggi o scarica lo Statuto (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

Intervista a Giacomo Lasorella, il presidente di Agcom spiega la ratio e il senso del riassetto organizzativo varato ieri dal Consiglio dell’Autorità

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

G20 della Cultura a Roma, Franceschini: Cultura mezzo formidabile di dialogo tra popoli

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto

Levi rieletto presidente Aie: La lettura è un’emergenza nazionale. Bene le vendite online ma il mercato sia equo e aperto