Nicola Drago nominato direttore generale di De Agostini Editore e ad di De Agostini Publishing

Nicola Drago a partire dal 1°ottobre assumerà la carica di direttore generale di De Agostini Editore, con delega specifica per le attività del collezionabile. Contestualmente è stato nominato amministratore delegato di De Agostini Publishing, ruolo nel quale subentra ad Alessandro Belloni, che dopo 8 anni lascia la società.

Classe 1978, Drago, dopo la laurea in Economia Aziendale all’Università Bocconi di Milano, ha lavorato come investment banker in Sonenshine Partners e poi come consulente in McKinsey, completando un master in Business Administration alla Columbia University di New York. Nel 2008 è entrato a far parte del Gruppo Zodiak Media, inizialmente come M&A manager e business controller, per poi essere promosso a ceo di Zodiak America Latina.

Nicola Drago

Nel maggio 2012 l’ingresso nel team di Zodiak Active come senior vice president, strategy & new business, con la responsabilità dello sviluppo strategico e la supervisione di tutte le attività internazionali. Dal gennaio 2014 è ceo di Zodiak Active, poi trasformata in Zodiak Advertising, responsabilità che continua a mantenere anche dopo avere assunto il nuovo incarico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con  il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Venti milioni di italiani ascoltano gli influencer per gli acquisti, forte anche il ruolo dei brand editoriali. Ecco perchè si segue un influencer

Venti milioni di italiani ascoltano gli influencer per gli acquisti, forte anche il ruolo dei brand editoriali. Ecco perchè si segue un influencer