Fanpage vincitore ai Lovie Awards con il video ‘Slap Her’ contro la violenza sulle donne

Ciaopeople Media Group annuncia la vittoria ai Lovie Awards nella categoria Internet Video – Public Service and Activism, con il suo ‘Slap Her’ (Dalle uno schiaffo), video che affronta in maniera semplice e simbolica il tema della violenza contro le donne.

Ideati dalla International Academy of Digital Arts & Sciences (Iadas), organizzazione fondata per guidare il progresso creativo, tecnico e professionale di Internet e più in generale dei media interattivi, i Lovie Awards sono i premi che celebrano i migliori progetti web in Europa. I vincitori della sesta edizione (qui l’elenco completo) sono stati selezionati da una comunità esperta di artisti e innovatori in tutti i campi del panorama digitale, tra cui Stephen Fry, il fondatore di Buzzcar Robin Chase, la fondatrice di Ifwerantheworld Cindy Gallop, la co-fondatrice di Spotify Michelle You, la co-fondatrice di TomTom Corinne Vigreux, il Digital Director di BBC Earth Eva Appelbaum, il fondatore e CEO di SoundCloud Alexander Ljung, e Vic Hayes (“il padre del WiFi”).

“Slap her ha primeggiato nella sua categoria, mostrando una fantastica abilità nell’innovazione digitale e nella creatività”, ha commentato Nicolas Roope, presidente esecutivo di Iadas e partner creativo di POKE Londra.

Fanpage.it sarà premiato a Londra il 27 ottobre 2016, alla cerimonia Lovie Awards al BFI Southbank, dove avrà anche l’opportunità di fare una “Declaration of Lovie” come discorso di accettazione.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Style Magazine dedica un numero speciale a Milano. In copertina il sindaco Sala

Style Magazine dedica un numero speciale a Milano. In copertina il sindaco Sala

Paperlit trasforma in app le cento riviste di Tecniche Nuove

Paperlit trasforma in app le cento riviste di Tecniche Nuove

Le foto mai viste del Ventennio. Dopo 75 anni l’Archivio Vitullo digitalizzato da Agi è di nuovo visibile

Le foto mai viste del Ventennio. Dopo 75 anni l’Archivio Vitullo digitalizzato da Agi è di nuovo visibile