Metro non scriverà più del Grande Fratello Vip dopo la messa in onda del colloquio tra Russo e Bettarini: Endemol dovrebbe sapere che chi fa tv ha gigantesche responsabilità

Metro non scriverà più del Grande Fratello Vip. Il quotidiano internazionale distribuito gratuitamente in Italia dal 2000, ha deciso di non occuparsi più delle vicende della casa prodotta da Endemol dopo la trasmissione del colloquio tra l’ex calciatore Stefano Bettarini e il pugile olimpionico Clemente Russo, atleta proveniente dalle file delle Fiamme Azzurre della Polizia Penitenziaria.

Clemente Russo e Stefano Bettarini

I due concorrenti, infatti, hanno avuto un colloquio in mondovisione sui tradimenti di Bettarini nei confronti della sua moglie di allora, Simona Ventura; mentre Russo si è epsresso con appellativi omofobi su un altro concorrente del programma, aggiungendo che, se fosse stato nei panni di Bettarini, avrebbe lasciato “lì morta” la compagna infedele.

 

“Sulla statura umana dei due soggetti, sulla loro concezione della donna e della diversità, non commentiamo”, scrive Metro, motivando la decisione di non scrivere più del Grande Fratello dei Vip. Ma “sulla scelta di mandare in onda una tale conversazione, crediamo di poter dire la nostra: in un Paese che registra uno dei tassi di femminicidio più alti d’Europa e dove l’omofobia è un problema oggettivo, chi fa tv dovrebbe sapere di avere gigantesche responsabilità”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Antitrust su Tim-Dazn: Visione del campionato di calcio di Serie A al via regolarmente. Misure idonee a evitare provvedimento cautelare

Antitrust su Tim-Dazn: Visione del campionato di calcio di Serie A al via regolarmente. Misure idonee a evitare provvedimento cautelare

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup

Il ministro Lamorgese: Allarme reati online, aumentati del 232% i casi di pedopornografia nel 2021

Il ministro Lamorgese: Allarme reati online, aumentati del 232% i casi di pedopornografia nel 2021