Milena Gabanelli lascia la conduzione di ‘Report’: è la mia ultima stagione, ma non è un addio, non smetterò di fare il mio mestiere

Milena Gabanelli lascia la conduzione di «Report», la trasmissione di inchieste in onda su Rai3 di cui è anima e ideatrice («È la cosa più bella che ho fatto dopo mia figlia»). A dare l’annuncio a sorpresa è stata la stessa giornalista durante il Tg1 delle 20. 

«È una stagione storica per Report, che compie vent’anni – ha detto Gabanelli -. Se c’è una cosa di cui sono orgogliosa è la mia squadra: è tempo di premiare la loro professionalità, per questo ho deciso di lasciare la conduzione di Report».

La stagione che inizia questa sera sarà l’ultima con la giornalista al comando: «Non smetterò comunque di fare il mio mestiere – ha assicurato -. Se è un addio? È una brutta parola: Report ha davanti altri vent’anni, ha una squadra da guerra».

«Il direttore generale e il direttore di rete – ha aggiunto – le hanno provate tutte per farmi cambiare idea, ma dopo tanto tempo penso che sia giusto che siano loro, i miei inviati, a portare avanti un programma che hanno contributo a costruire facendone una trasmissione di successo, a partire da Bernardo Iovene, il nostro “tenente Colombo”. Stiamo preparando la successione. Io continuerò a fare il mio mestiere, dentro questa Rai dove sono stata sempre libera di raccontare ciò che ho ritenuto utile e doveroso. E magari torno a fare l’inviata, proprio per Report». (Lastampa.it)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs, la Procura apre un’inchiesta sulla sede del Corriere in via Solferino a Milano

Rcs, la Procura apre un’inchiesta sulla sede del Corriere in via Solferino a Milano

Attenzione agli imprenditori arrabbiati di Delzio

Attenzione agli imprenditori arrabbiati di Delzio

Prosegue lo scontro su Radio Radicale. Blog delle Stelle: soldi pubblici a Radio Soros. Lega: presidio di libertà da difendere

Prosegue lo scontro su Radio Radicale. Blog delle Stelle: soldi pubblici a Radio Soros. Lega: presidio di libertà da difendere