Debutta anche in Italia Workplace, l’app di Facebook dedicata al lavoro. È il primo servizio a pagamento del social network di Mark Zuckerberg che guarda a chi vuole fare rete, ma non lavora in ufficio

Debutta anche in Italia Workplace di Facebook, la bacheca social di Mark Zuckerberg ideata per gli scambi e le relazioni di lavoro. Inizialmente conosciuto come Facebook at Work, l’app è disponibile da ieri anche in Italia, ma la versione beta conta già più di mille organizzazioni e oltre 100mila gruppi attivi nel mondo.

Una schermata

Workplace si rivolge al mercato di chi non lavora in ufficio o alla scrivania. Si tratta, spiega un post, di una soluzione mobile per grandi aziende, ma anche “lavoratori del commercio al dettaglio, equipaggi delle navi, baristi”… e tutti coloro i quali finora non avevano accesso agli strumenti di lavoro tradizionali.

Workplace è utilizzato soprattutto in India, Norvegia, Stati Uniti, Regno Unito e Francia. La schermata è simile a quella di Facebook, ma le funzionalità sono disegnate per rispondere alle necessità di lavoro, come fare rete, gruppi e organizzare appuntamenti, fare chiamate audio e video e c’è anche la possibilità di avere un News Feed personalizzato.

Tra le peculiarità c’è anche la possibilità di organizzare gruppi intra-aziendali, un servizio di traduzione automatica, trending post e filtri di ricerca.

Basato su di un modello di business a tariffe mensili, Workplace è il primo servizio a pagamento del social network che finora si è basato solo sulla pubblicità. Per accedere ai gruppi occorre entrare a far parte della community.

La nuova piattaforma sfida LinkedIn e sistemi di condivisione del lavoro come Yammer di Microsoft e Slack.

Più utenti attivi avrà un’organizzazione, meno pagherà per ognuno di questi, rende noto il social network.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente