Formazione professionale: l’Ordine aprirà un procedimento disciplinare nei confronti dei giornalisti che non raggiungono i crediti. A chiederlo è il Ministero della Giustizia

Come ribadito oggi sul sito dell’Ordine dei giornalisti, il 31 dicembre si chiude il primo triennio della Formazione professionale continua, introdotta dal decreto Severino. In base alla legge, che riguarda tutti gli iscritti agli ordini professionali, i giornalisti, sia professionisti sia pubblicisti, devono dunque conseguire i crediti formativi.

Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando (Foto: Olycom)

Dalle statistiche, spiega l’Odg, risulta che non tutti i giornalisti si sono registrati sulla piattaforma o hanno completato il percorso formativo. E ricorda che in base al nuovo regolamento tutti i crediti formativi possono essere conseguiti anche con i corsi online.

La richiesta è quella di conseguire minimo 15 crediti l’anno per un totale di 60 nell’arco del triennio.

L’inosservanza dell’obbligo previsto dalla legge comporterà – puntualizza l’Ordine – l’apertura di un procedimento disciplinare così come il Ministero della Giustizia ha formalmente comunicato all’Ordine intimando il rigoroso rispetto delle norme.

Per registrarsi e iscriversi agli eventi programmati dall’Ordine nazionale, dagli Ordini regionali e dagli Enti terzi, è necessario andare sul sito www.odg.it e cliccare su Formazione continua.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ll Corriere della Sera da oggi ha caratteri più grandi e leggibili

ll Corriere della Sera da oggi ha caratteri più grandi e leggibili

Giornalisti, Durigon convoca un tavolo su occupazione e previdenza. Intanto Fnsi avvia i ‘Contro-Stati generali dell’editoria’

Giornalisti, Durigon convoca un tavolo su occupazione e previdenza. Intanto Fnsi avvia i ‘Contro-Stati generali dell’editoria’

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno

Classifica Audiweb dell’informazione online a maggio. Repubblica sempre in testa; Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport guadagnano terreno