Novità in arrivo per i video live su Facebook: a partire da giovedì le pagine verificate potranno programmare le dirette sul social

Facebook aggiorna Live, il suo sistema di dirette video in streaming, con una specie di ‘palinsesto’ che punta a coinvolgere sempre più utenti e a garantire più visibilità agli editori online. Il social network ha infatti annunciato che permetterà alle pagine verificate di programmare le dirette. In questo modo gli utenti potranno sapere in anticipo – anche di una settimana – quando la propria star preferita, un giornalista o un politico stanno per andare in diretta e potranno ricevere un avviso quando la trasmissione sta per cominciare.

Mark Zuckerberg (foto Olycom)

La novità, particolarmente attesa dagli editori che avranno così uno strumento in più di visibilità sui social, comincerà a essere disponibile da giovedì. Chi mette in agenda una diretta mostrerà sulla propria pagina un annuncio dell’evento, che potrà essere condiviso anche su altre piattaforme o incorporato nelle pagine web, e gli utenti potranno scegliere di attivare una notifica che faccia da promemoria. Inoltre, a pochi minuti dall’inizio del Live, Facebook aprirà uno spazio in cui gli utenti collegati potranno già interagire tra loro sull’evento.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ogni giorno venduti più di 2 milioni di quotidiani in Italia e 200 mila copie digitali acquistate. I dati di Ediland Meeting 2019

Ogni giorno venduti più di 2 milioni di quotidiani in Italia e 200 mila copie digitali acquistate. I dati di Ediland Meeting 2019

Azzurre boom. Per il match con il Brasile oltre 7,3 milioni totali di spettatori e share del 32,6%

Azzurre boom. Per il match con il Brasile oltre 7,3 milioni totali di spettatori e share del 32,6%

Stati generali editoria, stampa locale presidio connessione sociale. Corecom, ampliare competenze e più spazio scelta vertici Agcom

Stati generali editoria, stampa locale presidio connessione sociale. Corecom, ampliare competenze e più spazio scelta vertici Agcom