Una serata per ricordare Vera Schiavazzi e la sua passione per il giornalismo. Domani al Circolo della Stampa di Torino

Domani sera alle 21, al Circolo della Stampa di Torino, durante una serata per ricordare Vera Schiavazzi, scomparsa un anno fa, verrà presentato il libro ‘Dalla parte dei diritti, un secolo di stampa subalpina’, pubblicato dal Centro Studi Pestelli. Si tratta della tesi di laurea di Vera, e sarà anche l’occasione per discutere del futuro del giornalismo, dei suoi cambiamenti, dei contesti nuovi con cui oggi si misura il mondo dell’informazione.

Vera Schiavazzi

Vera Schiavazzi

Temi sui quali Vera Schiavazzi, giornalista di Prima, di Repubblica e Corriere della Sera, ha posto spesso in anticipo domande che negli anni sono diventate le grandi questioni da risolvere, dedicando a questi argomenti tempo passione ed energia con quell’intelligenza sociale che la portava a essere inclusiva e capace di una visione del giornalismo alta e insieme quotidiana, pronta ad aprirsi al nuovo senza conservatorismi o posizioni di maniera. Una visione affidata ai suoi molti allievi – oltre 12 anni fa aveva fondato a Torino, insieme a Nicola Tranfaglia e a Mario Berardi, il Master di giornalismo – ai colleghi e ai lettori a cui non ammanniva interpretazioni facili o conformiste, preferendo raccontare una realtà che non aveva mai smesso di entusiasmarla. “Sto seguendo una pista”, diceva, “e mi diverto”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy