Dover rivelare gli stipendi delle star della Bbc è “disgustoso”, secondo Jeremy Clarkson. L’ex volto di Top Gear: se ci fidiamo del dg Tony Hall, lasciamo che faccia il suo lavoro

È “disgustoso” dover rivelare lo stipendio delle star che lavorano all Bbc. Lo ha detto a Radio Times Bbc l’ex volto di Top Gear, Jeremy Clarkson, ora ad Amazon tv, che ha lasciato la tv pubblica britannica a marzo dopo che il suo contratto non era stato rinnovato in seguito a una rissa con un producer.

Jeremy Clarkson (Foto: Olycom)

A proporre di rivelare gli stipendi delle star che lavorano per la Bbc con una retribuzione superiore alle 150mila sterline era stato il ministro della cultura, Karen Bradley, analogamente a quanto avviene con il resto delle pubbliche amministrazioni e come la Bbc già deve fare per i suoi dirigenti.

“Che il paese dove abitiamo desideri sapere quanto sono pagate le persone che ci vivono è disgustoso”, sentenzia Clarkson. “Spetta a Tony Hall decidere quanto pagare una persona”, aggiunge. “Se ci fidiamo di lui, e dobbiamo fidarci, perché è il direttore generale della Bbc, ci fidiamo anche di come svolge il suo lavoro”.

Qualora il governo britannico dovesse decidere di percorrere fino in fondo la via della trasparenza anche con la tv pubblica, la Bbc potrebbe evitare di dover rendere pubblici tutti gli stipendi di star e giornalisti sopra le 150mila sterline ricorrendo alla privatizzazione delle produzioni di Bbc Studios.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Upa lancia Nessie, prima dmp condivisa dai soci di un’associazione. Sassoli De Bianchi: nel ‘data lake’ i dati dei partecipanti

Upa lancia Nessie, prima dmp condivisa dai soci di un’associazione. Sassoli De Bianchi: nel ‘data lake’ i dati dei partecipanti

‘Gli Editori per l’Editoria’, accordo Fieg-Aie per sensibilizzare su informazione ed editoria – DOCUMENTO

‘Gli Editori per l’Editoria’, accordo Fieg-Aie per sensibilizzare su informazione ed editoria – DOCUMENTO

Mfe, avanti su fusione: pubblicato statuto ‘anti-ribaltone’ per la nuova holding. Voto Vivendi resta congelato

Mfe, avanti su fusione: pubblicato statuto ‘anti-ribaltone’ per la nuova holding. Voto Vivendi resta congelato