WhatsApp copia Snapchat e si prepara a lanciare la funzione ‘Status’ con foto e video che durano 24 ore

WhatsApp copia Snapchat e si prepara a lanciare una funzione che consente di raccontarsi attraverso immagini e messaggi da condividere nell’arco della giornata. La novità, che ricorda da vicino le Storie di Snapchat, si chiama ‘Status’ ed è stata scovata nella versione beta, non definitiva, dell’ultimo aggiornamento di WhatsApp per iPhone e dispositivi Android.

Quando arriverà a tutti gli utenti, presumibilmente nei prossimi mesi, Status, spiega Ansa, dovrebbe trovare posto tra le voci ‘chiamate’ e ‘chat’ dell’applicazione. Servirà a condividere, con tutti i contatti o con un gruppo selezionato di persone, una serie di aggiornamenti – foto e video, volendo accompagnati da testi – che proprio, come su Snapchat, durano 24 ore e poi si cancellano.

Jan Koum, ceo di WhatsApp

Jan Koum, ceo di WhatsApp

WhatsApp non è la prima in casa Facebook a seguire Snapchat su questa strada. Nei mesi scorsi la compagnia di Mark Zuckerberg ha introdotto, come test in Polonia, la funzione ‘Messenger Day’, che ha caratteristiche simili. E anche Instagram, sempre di proprietà di Facebook, ha ‘Storie’, la funzione analoga lanciata ad agosto, che nei primi due mesi di vita ha raggiunto i 100 milioni di utenti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Dal 10 maggio spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Repubblica rivoluziona il lavoro in redazione. Dal 10 maggio spostato la mattina l’asse del giornale. Stop a “pigri automatismi”

Superlega. Accordo tra Uefa e 9 club per il reintegro. Juve, Real Madrid e Barça deferiti. Ceferin: club hanno riconosciuto loro colpa

Superlega. Accordo tra Uefa e 9 club per il reintegro. Juve, Real Madrid e Barça deferiti. Ceferin: club hanno riconosciuto loro colpa

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm

Sospeso il progetto di fusione Audiweb e Audipress; stop ad Audicomm