Estendere il registro delle opposizioni a tutti i numeri fissi e mobili? Cardani (Agcom): potrebbe aumentare la tutela da telefonate indesiderate

Estendere il registro delle opposizioni a tutte le numerazioni mobili e fisse, siano esse incluse o meno in elenchi pubblici, “potrebbe costituire un volano per aumentarne l’efficacia, finora non sufficiente a tutelare effettivamente gli utenti dalle telefonate indesiderate”. Così il presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Angelo Marcello Cardani, nel corso di un’audizione in commissione Lavori Pubblici al Senato.

Il presidente Agcom, Angelo Marcello Cardani (foto Olycom)

Nel sottolineare l’attenzione dell’Agcom al fenomeno del cosiddetto ‘teleselling’ e ricordare il recente via libera agli ‘Orientamenti per la conclusione per telefono di contratti per la fornitura di servizi di comunicazioni elettroniche’, Cardani ha anche auspicato in un futuro prossimo una estensione del registro delle opposizioni anche ad
altre tipologie di contatto, quali e-mail ed indirizzi postali. ”Un interessante sviluppo – ha concluso Cardani – potrebbe essere quello di realizzare un portale centralizzato attraverso il quale gli utenti possano verificare e gestire tutti i consensi rilasciati, con chiara indicazione dei soggetti coinvolti e delle tipologie dei consensi stessi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente