Conti Editore rinnova Motorsprint. A Enrico Borghi la direzione

Novità in arrivo per Motosprint, il settimanale della Conti Editore dedicato al mondo delle due ruote, che si rinnova completamente. Con un restyling pensato a partire dalle modalità sempre più marcate con cui la Rete ha rivoluzionato il mondo dell’informazione, il giornale, fondato nel 1976, ha deciso di puntare su inchieste, interviste, commenti, dando un ruolo centrale anche all’immagine che, sola o con un breve testo, vuole diventare essa stessa notizia.

“Dobbiamo fare vedere e raccontare tutto quello che lo smartphone non può mostrare e spiegare”, ha raccontato alla presentazione Enrico Borghi, il nuovo direttore della rivista e promotore del cambiamento, ribadendo come l’obiettivo sia proprio quello di dare spazio a quello che “in un cellulare sta stretto”.

Nella foto, da sinistra Roberto Primavilla, direttore generale Conti Editore; Andrea Brambilla, direttore editoriale Conti Editore; Enrico Borghi, direttore di Motosprint; Aldo Reali, amministratore delegato Sport Network

Tra articoli più lunghi e complessi, alternati a pezzi più brevi o dedicati a temi più leggeri, sul fronte dei contenuti ampio spazio resta riservato al mondo delle competizioni a due ruote, ma centrale sarà anche il settore della produzione di serie, con un occhio di riguardo anche per le lettrici femminili.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast