Una tassa sui ricavi di Facebook e Google per finanziare iniziative indipendenti di giornalismo. La proposta della National Union of Journalists e la Media Reform Coalition britanniche

Sabrina Provenzani – La National Union of Journalists e la Media Reform Coalition britanniche hanno lanciato la proposta di ‘tassare’ i profitti di giganti tech come Facebook e Google per finanziare iniziative indipendenti di giornalismo locale e investigativo.

In una lettera aperta pubblicata sul Guardian (edizione online e cartacea), i promotori scrivono: “Intermediari digitali come Google e Facebook non solo stanno accumulando profitti eccezionali sottoposti ad un’imposizione fiscale minima, ma colpiscono anche l’industria dei giornali sottraendole ricavi pubblicitari.

Quando le testate nazionali e locali cercano di restare a galla tagliando budget e risorse, è la qualità giornalistica a risentirne. Il più colpito è proprio il giornalismo di interesse pubblico, perché i giornali vengono attirati in una cultura acchiappa-clic che preferisce il sensazionalismo e la superficialità.

Alla luce di queste considerazioni, proponiamo un’imposta dell’1% sulle operazioni dei maggior intermediari digitali. I ricavi saranno distribuiti a iniziative no-profit con il mandato di produrre contenuti originali, locali o d’inchiesta. È un modello di sovvenzioni incrociate simile a quello che ha sostenuto Channel 4 negli anni decisivi.

Siamo convinti che sia giunto il momento, per i politici, di affrontare la crescente carenza di pluralismo nei media e di garantire la sopravvivenza di un sistema editoriale indipendente e autorevole di cui la nostra democrazia ha un disperato bisogno. Per questo, sosteniamo un emendamento al disegno di legge sull’economia digitale in discussione al Parlamento e continueremo a fare pressioni per un sistema editoriale che metta l’interesse pubblico al di sopra di quello degli azionisti e di interessi di parte”.

Fra i primi firmatari, oltre ai rappresentanti del sindacato e della Media Reform Coalition, ci sono accademici, giornalisti e parlamentari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto