Nuovo attacco informatico al sito ‘BastaunSì’. Il Comitato promotore: un’azione condotta in maniera continua, massiccia e professionale

‘BastaunSì’, il sito promosso dal comitato per il sì al prossimo referendum costituzionale, nuovamente sotto attacco informatico. “Il nostro sito Internet sta subendo in queste ore un attacco informatico massiccio: non possiamo pubblicare contenuti e gli utenti non possono accedere”, spiega un post pubblicato sulla pagina Facebook. Dopo le denunce pubbliche di ieri, anche nella giornata di oggi non è stato quindi possibile collegarsi al portale e, per alcuni minuti, segnala Ansa, chi provava a raggiungere la pagina è stato reindirizzato automaticamente a un sito di propaganda per il No.

Sono le conseguenze di un’azione di hackeraggio condotta in maniera continua, massiccia e professionale, sottolinea una nota. “Stiamo lavorando con l’aiuto di esperti per accertare la responsabilità di questi molteplici attacchi, che saranno denunciati alle autorità di pubblica sicurezza”, ha spiegato ancora il comitato.

“Siamo certi che chi opera in questo modo illegale non può avere a che fare con una campagna referendaria condotta nel rispetto delle regole democratiche. Far tacere una voce, infatti, non aiuta le ragioni di nessuno”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera