Tre utenti su 4 vorrebbero lasciare i social network, ma hanno paura di perdere contatti e ricordi digitali. Kaspersky Lab: i timori per la propria privacy e il rischio di sprecare troppo tempo i principali motivi per meditare la fuga

Internauti prigionieri dei social network. Più di tre utenti su quattro, il 78% per l’esattezza, vorrebbero lasciare Facebook, Twitter o altri servizi simili, ma alla fine accantona l’idea per paura di perdere il contatto con gli amici e i ricordi digitali fatti di foto, video e altri contenuti condivisi. Questo il quadro che emerge da un’indagine di Kaspersky Lab, realizzata tra quasi 5 mila utilizzatori di social di 12 Paesi, Italia compresa.

I motivi per lasciare i social

Secondo la ricerca, la principale motivazione che spinge a meditare la fuga dai social è il rischio di spendere navigandoci troppo tempo. Ma non passano in secondo piano nemmeno problematiche legate alla privacy, con il 30% degli utenti che invece spiega di non voler essere monitorato dai giganti tecnologici. Tali motivazioni si invertono per gli utenti italiani e tedeschi, più preoccupati per la privacy che per l’ozio.

I motivi per mantenere aperti i profili social

Il desiderio di restare in contatto con parenti e amici è stato indicato come la ragione principale per restare (62%). Per il 21% prevale invece il timore di perdere i propri ricordi online, foto soprattutto ma non solo. Il 18% fatica a cancellarsi perché dice di usare spesso le credenziali di accesso dei propri account social per iscriversi o accedere ad altri servizi online.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con  il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Venti milioni di italiani ascoltano gli influencer per gli acquisti, forte anche il ruolo dei brand editoriali. Ecco perchè si segue un influencer

Venti milioni di italiani ascoltano gli influencer per gli acquisti, forte anche il ruolo dei brand editoriali. Ecco perchè si segue un influencer