Un’alleanza tra Rai, Mediaset e altre reti per lanciare un canale all news in inglese dedicato all’Italia. L’idea di Fedele Confalonieri: sarebbe una voce importante per farci conoscere all’estero

Un canale tv all news, in inglese, completamente dedicato all’informazione sull’Italia e sul made in Italy per il pubblico straniero. E’ l’idea lanciata dal presidente di Mediaset Fedele Confalonieri, secondo cui “si potrebbe anche pensare a una specifica alleanza tra Mediaset, Rai e altre reti per fare un canale all news solo in inglese in modo che sia visto in tutto il mondo, per informare gli investitori ma anche i consumatori stranieri su ciò che l’Italia fa”.

“Potrebbe essere una voce importante per far conoscere la nostra politica, i nostri prodotti e molto altro al mondo”, ha spiegato il presidente Mediaset parlando a margine dell’evento ‘Italy is back’, organizzato a Firenze da Italian Business and Investment Initiative in collaborazione con Ey e American Chamber of Commerce in Italy.

Fedele Confalonieri (foto Olycom)

“C’è tanta Italia nel mondo, ma non sempre grazie a noi, con il ritorno economico che sarebbe necessario”. “Questa è una battaglia che si deve vincere, e ci si deve attrezzare con i media”.

In conclusione anche un riferimento positivo all’andamento del mercato pubblicitario. “E’ un buon periodo”, ha detto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali