L’Upa contro Facebook sugli errori di misurazione: dati fondamentali per la pianificazione pubblicitaria, non può essere il mezzo a fornire i risultati, chiediamo la certificazione di enti terzi

Duro comunicato dell’Upa sugli “errori di misurazione di Facebook” dopo che, per la seconda volta nel giro di un mese, il social network fondato da Marl Zuckerberg ha dichiarato di aver trovato errori di applicazione nelle metriche di misurazione dei propri risultati. Un fatto assai grave perché “si tratta di dati fondamentali che impattano sulle scelte di pianificazione pubblicitaria delle aziende sia dal punto di vista strategico che operativo”, osserva l’Upa.

Lorenzo Sassoli de Bianchi, presidente dell’Upa

“Al di là dei giudizi di merito su come si possa commettere questo tipo di errore”, spiega l’Upa, “sentiamo sempre più la necessità, nell’articolato e complicato panorama dei media, di un approccio di metodo per ridurre le opacità, minimizzare gli errori e investire al meglio, comunicare senza dispersione e misurare i ritorni”.

Motivo per cui Upa “ha lanciato la proposta di realizzare un ‘libro bianco sul digitale’ con la partecipazione dell’intero sistema della comunicazione. L’obiettivo – prosegue – è quello di individuare linee guida comuni a tutti per una trasparenza condivisa”.

Upa mette al primo posto del progetto “la necessità di utilizzare metriche di misurazione condivise e certificate da istituti terzi: non può essere il mezzo che, pur grande e potente, fornisce da solo i propri risultati”.

Il progetto di un libro bianco raggruppa oggi intorno al tavolo oltre ad Upa anche Assocom, Fcp Assointernet, Fedoweb, Fieg, Iab, Netcomm e Unicom. Al termine del lavoro comune su misurazioni (viewability), gestione dei dati e loro proprietà, valori di investimenti pubblicitario, filiera del programmatic e adblocking, prosegue l’Upa “siamo certi che il mercato sarà più sicuro, i parametri di riferimento condivisi e si eviteranno errori dannosi per tutto il sistema.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Pubblicità, migliorano le previsioni. Sassoli De Bianchi (Upa): stimiamo una chiusura anno a -12%

Pubblicità, migliorano le previsioni. Sassoli De Bianchi (Upa): stimiamo una chiusura anno a -12%

Sky Italia, a Sarah Varetto la responsabilità della comunicazione, Public Affairs a Scrivo; Advertising e Partnerships a Tesoro Tess

Sky Italia, a Sarah Varetto la responsabilità della comunicazione, Public Affairs a Scrivo; Advertising e Partnerships a Tesoro Tess

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali