Online da oggi Lettera43 nella sua nuova veste. Il direttore Madron: cambiamo ma restiamo un giornale che fa della notizie la sua missione

Lettera43 è online da oggi nella sua nuova veste grafica. Nuova l’impaginazione, la grafica e nuovo anche il logo, per un restyling che Paolo Madron definisce “una rivoluzione nella forma che non mancherà di incidere nella sostanza”. A determinare la decisione di modificare l’impostazione del sito, spiega ancora il direttore, la critica che verteva principalmente sulla “troppa roba” pubblicata che rischiava di confondere il lettore oltre che appiattire le notizie.

“Con il nuovo progetto grafico abbiamo voluto eliminare quelli che col tempo ci sono parsi difetti macroscopici: mettere ordine all’indistinto, affermare il predominio della qualità sulla quantità, dare al lettore la chiara percezione di cosa è importante e cosa meno”, scrive Madron, accennando anche alla novità rappresentata dalle infografiche dalle nuovo rubriche e sezioni proposte.

La nuova home page di Lettera43

“Restiamo, nel cambiamento, un giornale che fa delle notizie la sua missione, e che vuole illuminare senza riguardo per nessuno le zone opache dove potere, denaro e politica si incontrano”, conclude, invitando i lettori a collaborare con questa novità, mandando commenti e suggerimenti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Upa lancia Nessie, prima dmp condivisa dai soci di un’associazione. Sassoli De Bianchi: nel ‘data lake’ i dati dei partecipanti

Upa lancia Nessie, prima dmp condivisa dai soci di un’associazione. Sassoli De Bianchi: nel ‘data lake’ i dati dei partecipanti

‘Gli Editori per l’Editoria’, accordo Fieg-Aie per sensibilizzare su informazione ed editoria – DOCUMENTO

‘Gli Editori per l’Editoria’, accordo Fieg-Aie per sensibilizzare su informazione ed editoria – DOCUMENTO

Mfe, avanti su fusione: pubblicato statuto ‘anti-ribaltone’ per la nuova holding. Voto Vivendi resta congelato

Mfe, avanti su fusione: pubblicato statuto ‘anti-ribaltone’ per la nuova holding. Voto Vivendi resta congelato