‘Messaggero Veneto’ primo quotidiano su Snapchat con gli studenti

Il Messaggero Veneto dopo Facebook, Twitter, Youtube e Instagram apre il suo profilo Snapchat. E lo fa con la voce degli studenti. È il primo quotidiano italiano a coinvolgere i ragazzi di medie e superiori nella gestione di un profilo Snapchat.

Il social fondato da Evan Spiegel ha quasi raggiunto in Italia il milione di utenti, arrivati a quota 200 milioni nel mondo. È il social dei millennials, con il 23% dei suoi utenti nella fascia 13-17 anni, e il 37% in quella 18-24.
Il Messaggero Veneto da oltre quindici anni porta avanti il progetto Messaggero Scuola con due redazioni di studenti, a Udine e Pordenone, che realizzano un inserto settimanale per il quotidiano cartaceo, e uno speciale online. Oggi hanno dato il via al profilo Snapchat del quotidiano e i protagonisti sono proprio i ragazzi delle scuole medie e superiori che compongono le due giovani redazioni. Gli studenti racconteranno ogni settimana le riunioni in cui preparano l’inserto e imparano a muoversi nel mondo del giornalismo. Con Snapchat avranno anche la possibilità di portare i lettori nelle redazioni dei giornalini scolastici e saranno i loro occhi, il loro sguardo, a raccontare piccoli e grandi eventi in città.
La redazione del Messaggero Veneto seguirà i ragazzi, li affiancherà e racconterà il loro mondo con il loro linguaggio. Un progetto che vuole essere un laboratorio, per gli studenti e per tutta la redazione.

Il link al profilo Snapchat
https://www.snapchat.com/add/messveneto

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali