Facebook punta a rientrare nel mercato cinese: in fase di sviluppo uno strumento per controllare i contenuti dei post censurandone la visualizzazione in alcune aree geografiche

Facebook avrebbe sviluppato uno strumento che consente di censurare i post sul social network, allo scopo di rientrare nel mercato cinese. Lo scrive il New York Times citando tre dipendenti, tra ex e attuali, della compagnia di Mark Zuckerberg. Tale software non cancellerebbe i contenuti, ma ne impedirebbe la visualizzazione in determinate aree geografiche.

Mark Zuckerberg (Foto: Olycom)

Stando al quotidiano, Facebook potrebbe offrire lo strumento a una compagnia cinese partner, che così potrebbe decidere quali contenuti non far comparire nel news feed degli utenti. Il software, precisa il New York Times, non è ancora stato usato ed è solo una delle idee vagliate da Facebook per rientrare il Cina, Paese nel quale il social è bandito dal 2009 per lo stringente regolamento cinese sulla censura dei contenuti degli utenti.

“Da tempo diciamo che siamo interessati alla Cina, e stiamo dedicando tempo a capire e ad imparare di più su questo Paese”, ha detto un portavoce del social ripreso da alcuni media Usa. “Tuttavia non abbiamo preso alcuna decisione sul nostro approccio alla Cina”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Upa lancia Nessie, prima dmp condivisa dai soci di un’associazione. Sassoli De Bianchi: nel ‘data lake’ i dati dei partecipanti

Upa lancia Nessie, prima dmp condivisa dai soci di un’associazione. Sassoli De Bianchi: nel ‘data lake’ i dati dei partecipanti

‘Gli Editori per l’Editoria’, accordo Fieg-Aie per sensibilizzare su informazione ed editoria – DOCUMENTO

‘Gli Editori per l’Editoria’, accordo Fieg-Aie per sensibilizzare su informazione ed editoria – DOCUMENTO

Mfe, avanti su fusione: pubblicato statuto ‘anti-ribaltone’ per la nuova holding. Voto Vivendi resta congelato

Mfe, avanti su fusione: pubblicato statuto ‘anti-ribaltone’ per la nuova holding. Voto Vivendi resta congelato