La Rai vittima di chi non vuole cambiare, dicono Fnsi e UsigRai in una nota congiunta. A viale Mazzini in corso una resa dei conti tra gruppi che si contendono poltrone e potere

“La Rai è sempre più vittima di chi, ai piani alti dell’azienda, vuole impedire qualsiasi forma di cambiamento”. A dirlo, in una nota congiunta, il segretario e il presidente Fnsi Raffaele Lorusso e Beppe Giulietti e il Segretario Usigrai Vittorio di Trapani, a proposito delle indiscrezioni sul piano di riforma delle news di Carlo Verdelli, pubblicate ieri dal settimanale ‘L’Espresso’.

Nella foto, da sinistra: Giuseppe Giulietti, Raffaele Lorusso (presidente e segretario generale della Fnsi), Vittorio Di Trapani, segretario generale UsigRai

“Rendere noto il contenuto di un ipotetico piano editoriale prima ancora che venga discusso risponde ad una sola esigenza: quella di salvaguardare lo status quo e di garantire che la Rai Servizio Pubblico radiotelevisivo resti controllabile dalla politica attraverso una governance ostile a qualsiasi ipotesi di rilancio dell’informazione”.

“È evidente”, scrivono ancora, “che è in corso a Viale Mazzini una resa dei conti tra gruppi che si contendono poltrone e potere, ma tutti disinteressati al futuro della Rai Servizio Pubblico”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Bandalarga mobile cresciuta del 48% in quasi un anno. Il quadro delle comunicazione nell’ultimo Osservatorio Agcom, Settembre 2020

Bandalarga mobile cresciuta del 48% in quasi un anno. Il quadro delle comunicazione nell’ultimo Osservatorio Agcom, Settembre 2020

Usa, Facebook banna le pubblicità di accessori d’armi fino al 22 gennaio. Banditi anche eventi online vicino al luogo del giuramento di Biden

Usa, Facebook banna le pubblicità di accessori d’armi fino al 22 gennaio. Banditi anche eventi online vicino al luogo del giuramento di Biden

Procida è la Capitale italiana della cultura 2022. Franceschini: Segnale per il futuro, ci accompagnerà nell’anno della ripartenza

Procida è la Capitale italiana della cultura 2022. Franceschini: Segnale per il futuro, ci accompagnerà nell’anno della ripartenza