Milena Gabanelli “è e resterà una colonna portante” della Rai. Così il dg Campo Dall’Orto ringrazia l’ex conduttrice di Report: con uno stile sobrio ed efficace ha saputo innovare l’informazione, lontana dai moralismi

“Ieri sera Milena Gabanelli ha condotto la sua ultima puntata di Report. Oggi vogliamo ringraziarla come merita. Milena è una grande giornalista che ha saputo innovare linguaggi e contenuti nel mondo dell’informazione”. Lo afferma in una nota il direttore generale della Rai Antonio Campo Dall’Orto.

Antonio Campo Dall’Orto (Foto: Olycom)

“Il suo stile sobrio ed efficace, lontano da qualsiasi tentazione moralista e vittimista, e il suo giornalismo non solo di denuncia ma anche e soprattutto di proposta – si legge ancora – hanno reso il suo linguaggio contemporaneo, autorevole e rispettoso del pubblico. Cambieranno le modalità del suo contributo ma non il fondamentale apporto di professionalità ed esperienza: Milena è e resterà una colonna portante della nostra missione di servizio pubblico di informare in modo universale e in maniera libera da condizionamenti. A nome di tutta la Rai la ringrazio per ciò che ha fatto in questi 20 anni e per tutto quello che ancora farà”.

Ed ecco l’omaggio di Rai3, andato in onda subito prima dell’ultima puntata di Milena Gabanelli a Report

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”