Facebook al lavoro per creare una sezione dedicata a news e contenuti selezionati direttamente dagli editori

Facebook sempre più attento al mondo dell’editoria. Secondo indiscrezioni riportate dall’edizione inglese del Business Insider il social network starebbe lavorando a una funzione per mostrare una selezione di contenuti curata direttamente dagli editori dentro il News Feed. Questo ‘contenitore’ di notizie e articoli dovrebbe chiamarsi ‘Collections’ e dovrebbe essere molto simile a ‘Discover’ di Snapchat, sezione dell’app famosa per i messaggi usa e getta, vista ogni giorno da 150milioni di utenti.

Secondo il sito la compagnia guidata da Zuckerberg avrebbe contattato editori e media nelle ultime settimane, ma al momento non ci sono né indicazioni sulle tempistiche per il lancio, né tanto meno commenti ufficiali.

Mark Zuckerberg

Mark Zuckerberg (foto Olycom)

La mossa non solo rafforzerebbe il ruolo mediatico di Facebook – che ha già all’attivo collaborazioni con testate e blog per gli ‘Instant Articles’ – ma è per il social network anche una nuova potenziale forma di introito pubblicitario. La sua vetrina è infatti sempre più ambita vista la platea potenziale di lettori che ormai vola verso 2 miliardi di persone nel mondo.

Ma ‘Collections’ potrebbe avere anche un altro scopo: proporre nel News Feed una rassegna di notizie e contenuti di qualità, segnalati direttamente dagli editori, per contrastare la proliferazione di ‘bufale’ online finita ultimamente sotto i riflettori non solo su Facebook, ma sui social network in generale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Inpgi, continuano le tensioni. Crimi: grave che Governo non possa essere presente in Cda

Inpgi, continuano le tensioni. Crimi: grave che Governo non possa essere presente in Cda

Inpgi, Lorusso replica a Crimi: istituto nel mirino. Sostituire membri di nomina governativa è prerogativa dell’Esecutivo

Inpgi, Lorusso replica a Crimi: istituto nel mirino. Sostituire membri di nomina governativa è prerogativa dell’Esecutivo

Mediaset: dopo Dailymotion, anche Vimeo condannata a risarcire 5 milioni per pirateria

Mediaset: dopo Dailymotion, anche Vimeo condannata a risarcire 5 milioni per pirateria