Apple Music raggiunge i 20 milioni di abbonati. Il vicepresidente Cue: “c’è spazio per crescere”

Apple Music, il servizio in abbonamento per ascoltare musica in streaming, ha 20 milioni di utenti. Ad annunciare il traguardo e la crescita degli abbonati è Eddie Cue, vicepresidente per i software e i prodotti internet della Mela, in un’intervista a Billboard. Apple aveva raggiunto 11 milioni di utenti paganti nel febbraio scorso, 13 milioni ad aprile e 17 milioni a settembre. “Vogliamo di più e vogliamo andare più velocemente, siamo affamati!”, ha detto Cue richiamando l’espressione usata da Steve Jobs nel celebre discorso agli studenti dell’Università di Stanford.

Eddie Cue, vice presidente per i software e i prodotti internet di Apple

“Non possiamo dimenticare che, come industria, abbiamo ancora pochissimi abbonati”, ha proseguito il manager di Cupertino. “Ci sono miliardi di persone che ascoltano musica e noi non abbiamo raggiunto nemmeno il traguardo dei cento milioni di abbonati. Ci sono molte opportunità di crescita”, ricordando ancora come oltre il 60% degli abbonati a Apple Music non ha fatto acquisti su iTunes negli ultimi 12 mesi, a dimostrazione che si tratta “in gran parte di nuovi clienti Apple”.

Spotify, primo rivale di Apple Music, a settembre ha dichiarato 40 milioni di abbonati, in un mercato che si fa sempre più pieno di aziende, da Rhapsody a Google Play Music, da YouTube Red ad Amazon Music Unlimited e Pandora, che in questi giorni ha confermato l’arrivo del suo servizio ‘Premium’ in abbonamento per i primi mesi del 2017.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast