Editoria italiana sempre più internazionale nel 2016. Cresce l’interesse dall’estero per i libri per bambini e la narrativa: oltre ai Paesi Europei, in aumento i contatti con il Medio Oriente e il mondo africano

Si vendono più diritti e se ne acquistano meno dall’estero. L’editoria italiana è più internazionale nel 2016, non solo nel settore Bambini e Ragazzi, anche nella Narrativa. E’ quanto emerge dalla ricerca sull’import/export dei diritti realizzata dall’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori (AIE) per conto dell’ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, presentataa Più libri più liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria.

Secondo quanto si evince dai dati, le case editrici italiane nel 2016 hanno venduto all’estero i diritti di 6.229 titoli (+5,3% sul 2015) e ne hanno acquistati 10.169 (-4,8% sul 2015). I titoli venduti nel 2016 rappresentano il 9,5% delle novità pubblicate mentre nel 2011 erano il 3,2%.

L’export dei diritti italiani si basa soprattutto sui libri per Bambini che sono al 37,9% (+13,5% sul 2015) e sulla Narrativa che ottiene il 35,4% (+4,3 sul 2015), mentre per gli acquisti dei diritti l’attenzione degli editori italiani si concentra sulla Narrativa che occupa il 34,8% (-1,7% sul 2015).

La crescita maggiore è degli Illustrati che rappresentano il 3,3% (+10,2% rispetto al 2015). E cambiano i paesi di riferimento in cui si esporta l’editoria italiana. Mentre l’Europa si conferma il mercato tradizionale delle vendite con il 59,2% (+23,1% sul 2015), a crescere maggiormente sono il Medio Oriente con il 4,3% (+77% sul 2015) e i paesi africani che con lo 0,6% sono in aumento del +30% sul 2015. I mercati principali per l’acquisto dei diritti restano l’Europa con il 54,4% e il Nord America con il 28,5%. Da sottolineare un interesse numericamente ancora piccolo ma culturalmente rilevante verso i paesi e l’editoria africana che rappresenta lo 0,1% con +37% sul 2015.

Diversa la situazione per i piccoli editori che comprano più diritti all’estero di quelli che vendono, anche per la necessità in fase di avvio di crearsi un catalogo importante. Cresce però, e più della media, la loro capacità di vendere all’estero: l’export dei diritti raggiunge il 15,3% (+13,8% sul 2015) mentre l’acquisto dei diritti è al 45,9% (+18,1% sul 2015) .

“L’Osservatorio – ha commentato Gianni Peresson, responsabile dell’Ufficio studi AIE – conferma le tendenze di lungo periodo dell’editoria italiana: crescente capacità di proporre autori, generi e tipologie editoriali diverse a editori e mercati stranieri; capacità di proporsi verso paesi e mercati che non sono più solo quelli tradizionali”.

La ricerca è integrata anche da un osservatorio sulle coedizioni: nel 2016 sono state 1.075 quelle realizzate con gli editori stranieri. Due i generi che si impongono: quello dei Bambini e Ragazzi (57,7%) e quello degli gli Illustrati (18,5%). “L’ICE-Agenzia ha da sempre creduto alle potenzialità della piccola e media editoria italiana, sostenendo Più Libri Più Liberi sin dalla sua prima edizione – ha commentato Ferdinando Fiore, dirigente dell’Ufficio Beni di Consumo di ICE-Agenzia-. Con questo obiettivo, in stretta collaborazione con l’AIE, è alla ricerca costante di nuovi mercati; nel 2016 infatti siamo stati Paese ospite d’onore alla Fiera internazionale del Libro di Abu Dhabi e per il 2017 saremo Paese ospite d’onore alla Fiera internazionale del libro di Teheran”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

L’attentato di Strasburgo scompagina la programmazione: bene Tg1 e Vespa, ok Tg2 e Palombelli. Tra le all-news vince Sky Tg24

L’attentato di Strasburgo scompagina la programmazione: bene Tg1 e Vespa, ok Tg2 e Palombelli. Tra le all-news vince Sky Tg24

È di nuovo Riccanza, “cult show” di Mtv sulla vita dei giovani ricchi italiani

È di nuovo Riccanza, “cult show” di Mtv sulla vita dei giovani ricchi italiani

Milano Music Week ed experience economy: nuovi valori e target a confronto

Milano Music Week ed experience economy: nuovi valori e target a confronto