La7 vince il referendum. Ascolti record per la tivù di Urbano Cairo

Anna Rotili – Il vincitore tv del Referendum è La 7 che nella settimana successiva al voto sulla Riforma costituzionale, quella dal 4 al 10 dicembre appena conclusa, ha fatto ascolti record.  Nella settimana in cui Michele Santoro ospite alla Zanzara l’ha definita ironicamente la ‘Cnn all’amatriciana’ la rete di Urbano Cairo è quella che è crescita di più sia in prima serata (+circa 2 punti di share) sia sul totale giornata (+1,35 di share) rispetto alla settimana precedente.

 

Urbano Cairo (foto Olycom)

Ma c’è di più. Secondo le elaborazioni Barometro, La 7 attestandosi nell’ultima settimana al 4,77% sull’intera giornata ha segnato il suo risultato migliore di sempre, avanti persino alla settimana del 6-12 gennaio 2013 dell’ascolto record di Berlusconi a ‘Servizio pubblico’ di Santoro.
In prima serata l’ultima settimana al 6,02% si piazza come 2° miglior risultato di sempre dopo quella stessa settimana record del 2013.
Un risultato da incorniciare che La 7 ha raggiunto grazie alla sua squadra di assi giornalistici e la satira politica di Maurizio Crozza dimostrando una volta di più che il pubblico quando ha bisogno di informarsi la riconosce come la rete più autorevole alla faccia della Rai servizio pubblico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, ecco i project leader previsti dal piano Salini di trasformazione in media company digitale  – I NOMI

Rai, ecco i project leader previsti dal piano Salini di trasformazione in media company digitale – I NOMI

Cardani (Agcom): responsabilità politica su fake news. Servono riflessione competente e confronto continuo

Cardani (Agcom): responsabilità politica su fake news. Servono riflessione competente e confronto continuo

Le Monde, trattative in esclusiva tra Pigasse e Kretinsky per rilevare la quota di Prisa. I due vicini a diventare primi azionisti del quotidiano

Le Monde, trattative in esclusiva tra Pigasse e Kretinsky per rilevare la quota di Prisa. I due vicini a diventare primi azionisti del quotidiano