“Non è un buon momento”. National Amusement ferma le trattative per la fusione tra Viacom e Cbs

National Amusements, la holding della famiglia Redstone che controlla Viacom et Cbs, rinuncia alla fusione tra le due società. La decisione, secondo quanto riportano i media americani, è stata comunicata con una lettera ai cda dei due gruppi. Lo scorso 29 settembre era stata la stessa National Amusements a suggerire a Viacom e Cbs di studiare la fusione. La mossa avrebbe consentito a Shari Redstone, la figlia di Sumner Redstone, il magnate 92enne che detiene l’80% di Cbs e Viacom, di avere il controllo del gruppo dopo una dura lotta di potere.

Shari Redstone

“Abbiamo concluso che attualmente non è un buon momento per la fusione”, si legge nella nota. Dopo l’annuncio forte contraccolpo per i titoli di Viacom e Cbs, scesi rispettivamente a -6,76% e -2,91% a Wall Street.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Il mercato M&E italiano nel 2020 cala il valore a 30,9 miliardi, -9,5% causa Covid. PwC: spesa adv -19,7% – NUMERI E INFOGRAFICHE

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Massimo Caputi, capo dello Sport del Messaggero, licenziato “per giusta causa”. Lo scrive Professione Reporter

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa

Papa Francesco: importante una comunicazione onesta per raccontare la verità su quel che sta succedendo all’interno della Chiesa