Niente cambi e ritardi nel piano per la banda larga con il nuovo governo, dice l’ad di Enel Starace. L’Italia continua ad avere bisogno di capacità di trasmissione dati

Nonostante l’esito del referendum e l’arrivo di un governo nuovo, sul piano per la banda larga “non cambia niente”. A dirlo è l’amministratore delegato di Enel, Francesco Starace, a margine della presentazione del World Energy Outlook 2016. “L’Italia continua ad avere bisogno di capacità di trasmissione dati, prima, durante e dopo il referendum”, ha spiegato. “Non vediamo grandi cambiamenti”, ha aggiunto, ribadendo di non essere preoccupato di eventuali ritardi sul piano.

Francesco Starace (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Superlega. Florentino Perez (Real Madrid): vogliamo salvare il calcio dalla bancarotta;  Uefa ci dà 120-130 milioni, con la Superlega sono 400

Superlega. Florentino Perez (Real Madrid): vogliamo salvare il calcio dalla bancarotta; Uefa ci dà 120-130 milioni, con la Superlega sono 400

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

Superlega “punto di non ritorno”, “atto di guerra”, “piano cinico”.  Opinioni e reazioni in Italia e nel mondo

Superlega “punto di non ritorno”, “atto di guerra”, “piano cinico”. Opinioni e reazioni in Italia e nel mondo