Niente cambi e ritardi nel piano per la banda larga con il nuovo governo, dice l’ad di Enel Starace. L’Italia continua ad avere bisogno di capacità di trasmissione dati

Nonostante l’esito del referendum e l’arrivo di un governo nuovo, sul piano per la banda larga “non cambia niente”. A dirlo è l’amministratore delegato di Enel, Francesco Starace, a margine della presentazione del World Energy Outlook 2016. “L’Italia continua ad avere bisogno di capacità di trasmissione dati, prima, durante e dopo il referendum”, ha spiegato. “Non vediamo grandi cambiamenti”, ha aggiunto, ribadendo di non essere preoccupato di eventuali ritardi sul piano.

Francesco Starace (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ogni giorno venduti più di 2 milioni di quotidiani in Italia e 200 mila copie digitali acquistate. I dati di Ediland Meeting 2019

Ogni giorno venduti più di 2 milioni di quotidiani in Italia e 200 mila copie digitali acquistate. I dati di Ediland Meeting 2019

Azzurre boom. Per il match con il Brasile oltre 7,3 milioni totali di spettatori e share del 32,6%

Azzurre boom. Per il match con il Brasile oltre 7,3 milioni totali di spettatori e share del 32,6%

Stati generali editoria, stampa locale presidio connessione sociale. Corecom, ampliare competenze e più spazio scelta vertici Agcom

Stati generali editoria, stampa locale presidio connessione sociale. Corecom, ampliare competenze e più spazio scelta vertici Agcom