Niente cambi e ritardi nel piano per la banda larga con il nuovo governo, dice l’ad di Enel Starace. L’Italia continua ad avere bisogno di capacità di trasmissione dati

Nonostante l’esito del referendum e l’arrivo di un governo nuovo, sul piano per la banda larga “non cambia niente”. A dirlo è l’amministratore delegato di Enel, Francesco Starace, a margine della presentazione del World Energy Outlook 2016. “L’Italia continua ad avere bisogno di capacità di trasmissione dati, prima, durante e dopo il referendum”, ha spiegato. “Non vediamo grandi cambiamenti”, ha aggiunto, ribadendo di non essere preoccupato di eventuali ritardi sul piano.

Francesco Starace (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto

Apple, la Commissione Ue ricorre contro la sentenza su fisco irlandese. Vestager: dal Tribunale errori di diritto