Mediaset sotto attacco. Ecco com’è composto l’impero Berlusconi, dalla Fininvest al Milan. I figli hanno partecipazione in tre delle sette holding

Con quasi 5 miliardi di fatturato e oltre 20 mila dipendenti, Fininvest è una delle maggiori realtà imprenditoriali italiane. L’impero fondato da Silvio Berlusconi è controllato tramite 7 holding, 4 rimaste in mano al Cav., per il 60% complessivo. Altre 3 holding sono dei cinque figli: Marina e Piersilvio con il 7,65% (holding IV e V); Barbara, Luigi ed Eleonora con il 21,42% complessivo (holding XIV). Fininvest ha il controllo di Mediaset, Mondadori, Mediolanum, il Milan in uscita dal gruppo, il 2% di Mediobanca più altri investimenti. Gran parte del patrimonio immobiliare, incluse le residenze più famose è invece custodito nella società Dolcedrago, di proprietà esclusiva del Cavaliere. Nel 1994 all’interno di Fininvest c’erano già il Milan, Mondadori e le televisioni. Nel 1995 nacque la società di distribuzione cinematografica Medusa, nel 1996 Mediaset, in cui confluirono le tv e Publitalia, venne quotata in Borsa, seguita a ruota da Mediolanum, società di risparmio gestito di cui è comproprietario Ennio Doris.

(foto Secoloditalia.it)

(foto Secoloditalia.it)

MEDIASET: al vertice ci sono l’A.d Pier Silvio Berlusconi e il presidente Fedele Confalonieri. E’ quotata alla Borsa di Milano dal 1996. Nel 2015 ha registrato ricavi per 3,5 miliardi.
In Italia ha due concessionarie pubblicitarie, Publitalia ’80 (tv free) e Digitalia ’08 (tv pay). In Spagna la raccolta pubblicitaria è affidata a Publiespana. Per l’estero c’è Publieurope. Le attività online sono gestite da Mediamond, concessionaria costituita pariteticamente con Mondadori.
Mediaset ha poi il 40,1% di Ei Towers, operatore nella gestione delle infrastrutture per Radio, TV e Telecomunicazioni.

MONDADORI: al vertice l’A.d Ernesto Mauri e il presidente Marina Berlusconi. E’ il maggiore editore di libri e magazine in Italia e il terzo operatore in Francia per le riviste consumer; possiede inoltre il più esteso network di librerie sul territorio nazionale. Nel 2015 ha registrato ricavi per 1.122,8 milioni e un risultato netto consolidato delle attività in continuità positivo per 15,1 milioni. Mondadori opera anche nella vendita diretta al cliente e nella distribuzione di prodotti editoriali attraverso la controllata Mondadori Retail, che gestisce il più esteso network di librerie in Italia. Oltre 600 i punti vendita in gestione diretta e in franchising con le insegne: Mondadori Megastore, Mondadori Bookstore, Mondadori Point e Club; a questi canali si aggiunge il sito mondadoristore.it per l’attività di e-commerce, in un sistema multipiattaforma di presidio di tutti i canali di vendita.

GRUPPO MEDIOLANUM: controllato da Fininvest e dal Gruppo Doris, è leader del mercato finanziario italiano con 1 milione e 129 mila clienti, 70,7 miliardi di euro amministrati e gestiti, 2.171 dipendenti.

MILAN
: il Gruppo Fininvest acquista nel 1986 il pacchetto di maggioranza del Milan. A maggio scorso, Berlusconi, a distanza di 30 anni, annuncia la cessione ad una cordata cinese. Proprio ieri è stata versata la seconda caparra da 100 milioni di euro, necessaria a prorogare al 3 marzo il termine ultimo del closing per l’acquisto del club. (Ansa)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nasce Gedi Watch, magazine digitale che racconta storie, personaggi e territori. E con lui al via le dirette web Gedi Watch Live

Nasce Gedi Watch, magazine digitale che racconta storie, personaggi e territori. E con lui al via le dirette web Gedi Watch Live

Pirateria online. Mediaset vince causa contro Dailymotion (Vivendi) e Veoh. Risarcimento milionario. “Tutelato il lavoro degli editori”

Pirateria online. Mediaset vince causa contro Dailymotion (Vivendi) e Veoh. Risarcimento milionario. “Tutelato il lavoro degli editori”

Lega Serie A, la spartizione politica che quasi faceva saltare l’operazione fondi. Le manovre di Lotito e l’attesa per Dal Pino. E via Rosellini..

Lega Serie A, la spartizione politica che quasi faceva saltare l’operazione fondi. Le manovre di Lotito e l’attesa per Dal Pino. E via Rosellini..