Ascolti bassi per la prima puntata di ‘Italia’ su Rai2? Forse siamo stati penalizzati da un incidente tecnico, dice Michele Santoro a Prima: comunque siamo abbastanza soddisfatti

“Sto valutando bene i dati, perchè se è vero che siamo stati per molti minuti “fuori sinc“ a inizio trasmissione questo è un incidente importante che può aver influito sugli ascolti”, dice Michele Santoro a Prima sugli ascolti della prima puntata di ‘Italia’, ieri sera su Rai2:

Santoro nella prima puntata di 'Italia'

Santoro nella prima puntata di ‘Italia’

“Comunque, a parte questo episodio che ha sicuramente inciso, siamo abbastanza soddisfatti. Se vogliamo rompere col modello talk, dobbiamo anche darci il tempo giusto per mettere a punto il prodotto. Italia è veramente un’altra cosa. Questa era la prima puntata, ne abbiamo altre tre e alla fine tireremo le somme, provando a sistemare subito quello che c’è da sistemare. Ma ripeto: il dato di ascolto potrebbe aver risentito molto di questo errore tecnico iniziale”.

 

TVZoom.it

La puntata di Piazzapulita di giovedì 15 dicembre 2016 condotta da Corrado Formigli su La7, infatti, è stata vista da 1.032.000 telespettatori, per uno share di 5,45%, mentre quella di Italia (che su Raidue ha chiuso ben prima, intorno alle 23.35) di Michele Santoro da 992.000 telespettatori, per il 4,16% di share (1.165.000, 4,43% nella presentazione). In sovrapposizione pochissimi i momenti in cui Italia ha superato Piazzapulita, che ha nettamente vinto il confronto diretto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy