Berlusconi preoccupato per la scalata a Mediaset di Vivendi? Alla mia età niente più mi preoccupa. Noi ci siamo su tutto, anche su Mps

“Vuole ancora che alla mia età ci sia qualcosa che mi preoccupa?”. Così Silvio Berlusconi ha risposto, a margine della tradizionale cerimonia per lo scambio degli auguri di Natale al Quirinale, a chi gli chiedeva se fosse preoccupato per la scalata a Mediaset da parte di Vivendi.

Silvio Berlusconi

Proseguendo sulla vicenda Mediaset-Vivendi, ha aggiunto: “molti nostri soci vogliono difendere il principio di italianità del primo gruppo di comunicazioni italiano: per questo motivo sono abbastanza sereno”.

Vivendi, intanto, è salita al 25,75% di Mediaset e al 26,7% dei diritti di voto. Lo ha reso noto il gruppo francese, precisando di aver superato nella giornata di oggi la soglia del 20% e poi del 25% del capitale di Mediaset. La soglia dell’opa obbligatoria scatta per Vivendi al 30% del possedimento azionario.

Mediaset, invece, al termine del Cda, ha stabilito che proseguirà con le azioni legali contro Vivendi nei tempi stabiliti.

E su Mps Berlusconi ha detto a Gentiloni: “Noi ci siamo su tutto, a partire da Mps. Un peccato se dovesse finire male. Io sono legato a quella banca, è stata la prima a concedermi un mutuo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Musk: Tesla vicina al fallimento 7 volte ed è stato difficile trovare investitori, ma ora andiamo bene

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

Colao: Innovazione è fondamentale, ce la faremo ma bisogna semplificare. Il Pnrr è debito, serve un lavoro di lungo periodo

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb nel GIORNO MEDIO. A luglio sempre in vetta ilMeteo, Libero e Corriere della Sera