La svolta di ‘Vice’ passa da Ruosi e Viceland

Giornalismo di qualità per chi non legge più i giornali, realizzato con una squadra di redattori giovani e aggressivi capaci di confezionare inchieste e reportage nel linguaggio dei millennial. Questa, più o meno, era la promessa che aveva fatto Vice sbarcando nel nostro Paese. E in effetti le aspettative erano tante perché la fama del quotidiano-contenitore multimediale e disruptive era stata ampiamente preceduta da quella del suo fondatore, il canadese Shane Smith, definito dalla Bbc “il nuovo Murdoch del giornalismo d’assalto”.

Elia Blei e Romano Ruosi

A distanza di un anno le cose sono radicalmente cambiate. Come ha ben spiegato alla presentazione milanese di metà dicembre il nuovo managing director Italia, Elia Blei, a cui si è da pochissimo affiancato come consulente Romano Ruosi. Blei e Ruosi sono un ticket di professionisti che lavora insieme da anni, prima al Sole 24 Ore poi in Condé Nast.

L’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 478 – Dicembre 2016

Abbonati al mensile ‘Prima’ edizione cartacea (+ Uomini Comunicazione), alla versione digitale per tablet e smartphone o a quella combinata carta-digitale: Prima + Uomini + edizione per tablet e smartphone 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mondadori Libri va sui mercati internazionali con il nuovo marchio Rizzoli Electa

Mondadori Libri va sui mercati internazionali con il nuovo marchio Rizzoli Electa

PRINCIPALI NOTIZIE E INTERVISTE NEL NUMERO 487 – OTTOBRE 2017

PRINCIPALI NOTIZIE E INTERVISTE NEL NUMERO 487 – OTTOBRE 2017

PRINCIPALI SERVIZI E INTERVISTE NEL NUMERO 486 – SETTEMBRE 2017

PRINCIPALI SERVIZI E INTERVISTE NEL NUMERO 486 – SETTEMBRE 2017