Con Zelig Event si chiude un pezzo di storia della tivù italiana, dice il direttore di Canale 5 Scheri, ma con Gino&Michele, Bozzo e Bosatra sono già allo studio nuovi progetti

Ieri sera, ultimo appuntamento con “Zelig Event”, condotto da Michelle Hunziker e Christian De Sica. Le 4 puntate del programma hanno ottenuto una media di oltre 3.000.000 di telespettatori, aggiudicandosi sempre la sfida degli ascolti sul pubblico 15/64 anni.

Giancarlo Scheri (foto Olycom)

Giancarlo Scheri (foto Olycom)

Giancarlo Scheri, direttore Canale 5: “Ieri sera non si è chiusa una trasmissione, ma un grande pezzo di storia della televisione italiana. Zelig ci ha regalato 20 anni di sorrisi ed emozioni, creando un genere completamente nuovo e lanciando talenti incredibili. Sono davvero felice di aver condiviso parte della mia vita lavorativa con un gruppo di lavoro eccezionale, fatto di belle persone e grandi professionisti, che ha sempre lavorato con passione ed entusiasmo. E la collaborazione non finisce qui: con Gino&Michele e Giancarlo Bozzo, e il produttore Roberto Bosatra, sono già allo studio nuovi progetti. Naturalmente, ringrazio di cuore anche i conduttori e i comici che si sono avvicendati in questi anni, e tutti coloro che, con il loro lavoro, hanno contribuito al successo della trasmissione. Zelig è stata una bellissima avventura che, per chi ne ha preso parte, anche solo per un momento, rimarrà indimenticabile”.

 

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali