Il Tar annulla la multa antitrust sui diritti tv del calcio. Accolti i ricorsi di Mediaset, Premium, Lega Calcio, Sky e Infront

Il Tar del Lazio ha accolto i ricorsi presentati da Mediaset, Mediaset Premium, Lega Calcio, Sky e Infront, annullando quanto deciso dall’Antitrust. La multa inflitta a Mediaset era da 51,4 milioni. Quella per Infront 9 milioni, 1,9 milioni per la Lega Calcio e Sky 4 milioni. L’ipotesi era di una alterazione della gara per i diritti tv della serie A per il triennio 2015-2018.


Secondo il Tar, la soluzione orientata all’attribuzione dei due pacchetti principali ad uno solo dei due operatori (Sky) come sponsorizzata a posteriori dall’Agcm (Agenzia Garante Concorrenza Mercati, l’Antitrust), “non sembrava certo idonea a consentire una svolta proconcorrenziale”. Per i giudici del Tribunale Amministrativo Regionale, afferma una nota di Mediaset, “la ‘causa’ contrattuale alla base della sublicenza per il pacchetto D richiesta dalla Lega e autorizzata dall’Agcm era pienamente lecita, in quanto orientata ad evitare contenziosi futuri, ‘stallo’ del mercato e ulteriori inconvenienti per i consumatori, mantenendo la concorrenza effettiva in assenza di nuovi operatori concretamente interessati all’ingresso nel mercato specifico”. Anche Sky ha espresso soddisfazione per la sentenza. “Siamo lieti – recita una nota – che si sia dissolto anche il minimo dubbio sulla correttezza del nostro operato”. (Gazzetta.it)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Radio, i nuovi dati di ascolto Ter (2° semestre 2020) disponibili dal 26 gennaio

Radio, i nuovi dati di ascolto Ter (2° semestre 2020) disponibili dal 26 gennaio

Calcio e pubblicità. Vulpis (Lega Pro): rinuncia alle sponsorizzazioni del mondo gaming è un autogol

Calcio e pubblicità. Vulpis (Lega Pro): rinuncia alle sponsorizzazioni del mondo gaming è un autogol

Tavares: In Italia Stellantis farà da scudo agli stabilimenti e all’occupazione. L’economia di scala aiuterà

Tavares: In Italia Stellantis farà da scudo agli stabilimenti e all’occupazione. L’economia di scala aiuterà