Il Tar annulla la multa antitrust sui diritti tv del calcio. Accolti i ricorsi di Mediaset, Premium, Lega Calcio, Sky e Infront

Il Tar del Lazio ha accolto i ricorsi presentati da Mediaset, Mediaset Premium, Lega Calcio, Sky e Infront, annullando quanto deciso dall’Antitrust. La multa inflitta a Mediaset era da 51,4 milioni. Quella per Infront 9 milioni, 1,9 milioni per la Lega Calcio e Sky 4 milioni. L’ipotesi era di una alterazione della gara per i diritti tv della serie A per il triennio 2015-2018.


Secondo il Tar, la soluzione orientata all’attribuzione dei due pacchetti principali ad uno solo dei due operatori (Sky) come sponsorizzata a posteriori dall’Agcm (Agenzia Garante Concorrenza Mercati, l’Antitrust), “non sembrava certo idonea a consentire una svolta proconcorrenziale”. Per i giudici del Tribunale Amministrativo Regionale, afferma una nota di Mediaset, “la ‘causa’ contrattuale alla base della sublicenza per il pacchetto D richiesta dalla Lega e autorizzata dall’Agcm era pienamente lecita, in quanto orientata ad evitare contenziosi futuri, ‘stallo’ del mercato e ulteriori inconvenienti per i consumatori, mantenendo la concorrenza effettiva in assenza di nuovi operatori concretamente interessati all’ingresso nel mercato specifico”. Anche Sky ha espresso soddisfazione per la sentenza. “Siamo lieti – recita una nota – che si sia dissolto anche il minimo dubbio sulla correttezza del nostro operato”. (Gazzetta.it)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali