L’88% degli americani pensa che le ‘bufale’ generino confusione tra le persone. Ma il 14% di loro sostiene di aver condiviso notizie pur riconoscendole come false. I dati del Pew Reasearch Center (INFOGRAFICHE)

L’88% degli americani ritiene che le ‘bufale’ in rete causino una certa confusione nella comprensione delle notizie di attualità tra le persone. A sancirlo i dati raccolti in un recente studio del Pew Research Center secondo il quale questa consapevolezza travalica le appartenenze politiche, andando oltre anche alle differenze anagrafiche, razziali e culturali.

Secondo lo studio il 23% degli americani ha ammesso di aver condiviso notizie false, il 14% di averlo fatto pur sapendo che erano contenuti costruiti ad hoc, e il 16% di averlo realizzato solo successivamente.

Gli intervistati nel 45% dei casi hanno sostenuto di essere abbastanza fiduciosi nella loro capacità di riconoscere contenuti non veritieri, mentre il 39% sostiene di essere convinto di riuscire a smascherare le ‘bufale’.

Su come fare per fermare la proliferazione di fakenews gli americani sembrano avere le idee chiare, indicando politica, pubblico, social media e motori di ricerca come corresponsabili in questa azione, anche se in realtà per gli over 50 un ruolo da protagonista dovrebbe spettare soprattutto alle autorità governative.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sky Italia, a Sarah Varetto la responsabilità della comunicazione, Public Affairs a Scrivo; Advertising e Partnerships a Tesoro Tess

Sky Italia, a Sarah Varetto la responsabilità della comunicazione, Public Affairs a Scrivo; Advertising e Partnerships a Tesoro Tess

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali

Riforma dello Sport, il Coni vota un documento contro il testo: servono autonomia e applicazione della Carta Olimpica

Riforma dello Sport, il Coni vota un documento contro il testo: servono autonomia e applicazione della Carta Olimpica