Quasi l’80% degli europei connessi accede al web da mobile. I dati Eurostat: Spagna, Cipro e Olanda i Paesi in cui lo smartphone è più utilizzato (INFOGRAFICHE)

Più dell’80% dei cittadini europei di età compresa tra i 16 e i 74 anni nel corso del 2016 hanno navigato su in internet, nella maggior parte dei casi utilizzando diversi device. A sancirlo i dati raccolti da Eurostat sull’uso della Rete nel vecchio Continente nel corso degli ultimi 12 mesi, secondo i quali gli smartphone restano in assoluto gli strumenti più usati, scelti da 3/4 degli utenti totali, dal 79% per la precisione, seguiti da portatili (64%), pc (54%) e tablet (44%).

Stando all’analisi sono i più giovani, di età compresa tra i 16 e i 24 anni, a prediligere l’accesso alla rete con smartphone (94%) o laptop (71%), mentre i tablet restano più diffusi nella fascia 25-54 anni (47%).

Spagna, Cipro e Olanda sono i paesi in cui in assoluto gli smartphone rappresentano la principale via d’accesso al web, con picchi rispettivamente pari al 93% e all’88%, che superano di gran lunga la media europea ferma al 79%, dato al quale si allinea invece l’Italia, posizionata a metà classifica. A chiudere la graduatoria sono invece Lituania, Polonia e Repubblica Ceca, tutte regioni nelle quali allo smartphone vengono preferiti laptop o pc.

Leggi o scarica la ricerca integrale (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Insulti sui social? Può scattare la diffamazione aggravata e si rischia fino a 3 anni di carcere

Insulti sui social? Può scattare la diffamazione aggravata e si rischia fino a 3 anni di carcere

<strong> Venerdì 15 e Sabato 16 gennaio </strong> Mannoia e De Filippi siglano il pari tra Rai e Mediaset

Venerdì 15 e Sabato 16 gennaio Mannoia e De Filippi siglano il pari tra Rai e Mediaset

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano