Il 92% degli italiani guarda la tv e meno del 10% delle famiglie non ha un cellulare o uno smartphone. I dati Istat: solo 4 su 10 leggono i giornali quotidianamente. Cresce il pubblico al cinema e il numero di chi frequenta musei o mostre (INFOGRAFICHE E VIDEO)

La televisione è sempre il medium più amato dagli italiani. A certificarlo i dati dell’annuario 2016 statistico dell’Istat, pubblicato oggi, secondo il quale il piccolo schermo oggi attira il 92,2% della popolazione di 3 anni e più. Gli spettatori appartengono a tutte  le fasce di età, ma i più accaniti fruitori sono i giovanissimi di 6-14 anni e gli anziani di 65-74 anni, con quote che superano il 96%. L’ascolto della radio interessa invece il 53% della popolazione, in sensibile diminuzione dal 57,9% del 2015, anche se aumentano i fidelizzati, ossia coloro che la ascoltano tutti i giorni (da 55,4 a 59,7%). I programmi radiofonici hanno le maggiori audience fra le persone di 20-54 anni (oltre il 65%).

Sul fronte tecnologico, dal report emerge che nel 2015, il 91% delle famiglie italiane possiede almeno un telefono cellulare o smartphone, circa un punto percentuale in più rispetto all’anno precedente. I valori più alti, superiori al 93%, si osservano nel Nord-est e nel Centro. Il personal computer è invece presente nelle case di sei famiglie su dieci (62,3%); ancora una volta i valori sono più elevati al Nord rispetto a Sud e Isole.

L’abitudine alla lettura dei quotidiani (almeno una volta la settimana) riguarda poco piu’ di quattro persone di 6 anni e piu’ su dieci (43,9% ) nel 2016, dal 47,1% di un anno fa. Rimane invece pressoché stabile la quota di chi legge quotidiani 5 volte e piu’ la settimana (35,4%). In calo anche la quota di lettori di libri, dal 42% del 2015 al 40,5% dell’anno in corso. Tra chi si dedica alla lettura, quasi la meta’ (45,1%) legge al massimo 3 libri nell’anno, mentre il 14,1% legge piu’ di un libro al mese.

In crescita tutte le forme di intrattenimento, con il 66,3% della popolazione di 6 anni e oltre che ha fruito di almeno uno spettacolo o una visita a musei e mostre. Ad aumentare di piu’ sono gli spettatori al cinema, passati dal 49,7% del 2015 al 52,2%, e quelli che seguono concerti di musica diversa dalla classica, passati da 19,3% a 20,8%. I concerti di musica classica subiscono invece una diminuzione della quota di spettatori dal 9,7 all’8,3%. Nel 2015, informa ancora l’Istat, i musei, i monumenti e le aree archeologiche statali aperti al pubblico sono 441, quattro in più sull’anno precedente e i visitatori hanno fatto registrare un deciso incremento, passando da quasi 41 milioni nel 2014 a oltre 43 milioni (+6,2%).

Ecco il video riassuntivo dell’annuario: #Sefossimoin100

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La pubblicità a gennaio cala dello 0,5%. Senza search, social, ott e classified -4,1%. Dati Nielsen

La pubblicità a gennaio cala dello 0,5%. Senza search, social, ott e classified -4,1%. Dati Nielsen

Tv, Mediobanca: il 90% del mercato italiano in mano a 5 top; tra 2013 e 2017 Mediaset prima per ricavi, Sky per utili e Rai per ascolti

Tv, Mediobanca: il 90% del mercato italiano in mano a 5 top; tra 2013 e 2017 Mediaset prima per ricavi, Sky per utili e Rai per ascolti

Nel 2019 gli investimenti in adv digital supereranno quelli sui media tradizionali. La stampa il mezzo più colpito, tiene l’out of home

Nel 2019 gli investimenti in adv digital supereranno quelli sui media tradizionali. La stampa il mezzo più colpito, tiene l’out of home