Twitter si rivolge ai suoi utenti per cercare nuove idee per il 2017. Tra i suggerimenti l’inserimento del tasto per modificare i cinguettii

Twitter sceglie di rivolgersi ai suoi milioni di utenti per cercare nuove idee. Ieri l’amministratore delegato Jack Dorsey ha chattato con gli utenti parlando di ciò che questi sperano di vedere il prossimo anno tra i servizi offerti dal social network. “Cosa vorreste che Twitter migliorasse o creasse nel 2017?”, ha scritto il ceo e coofondatore del sito di microblogging, ricevendo migliaia di risposte.

 

 

Il social network al momento sta studiando dei modi per migliorare le ricerche e organizzare la bacheca degli utenti, dividendo i tweet per argomenti, ha spiegato Dorsey. L’elemento più richiesto è la possibilità di correggere velocemente errori di grammatica o di battitura, anche se in molti, riferendosi soprattutto all’utilizzo fatto del social da parte di personaggi popolari, in primis Donald Trump, hanno espresso la preoccupazione che modificando i tweet possano alterare questioni di dominio pubblico.

Critiche sono arrivate invece per la gestione dei contenuti molesti che, spesso, non vengono cancellati nonostante siano in contrasto con le politiche della piattaforma. “Saremo piu’ trasparenti”, ha concluso Dorsey.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Zelig sbarca su ViacomCBS Italia. Tra le altre novità autunnali The Roast of Italy, 16 anni e incinta ed Emas

Zelig sbarca su ViacomCBS Italia. Tra le altre novità autunnali The Roast of Italy, 16 anni e incinta ed Emas

Usa, l’amministrazione Trump contro i social: basta protezione legale, siano responsabili dei contenuti

Usa, l’amministrazione Trump contro i social: basta protezione legale, siano responsabili dei contenuti

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali

Maxi sequestro della Gdf: colpiti siti e canali pari al 90% della pirateria tv ed editoriale in Italia. Denunciati un migliaio di abbonati illegali