La Rai sia al centro della costruzione di un sistema fact checking con altre emittenti europee, dice Monica Maggioni. Fondamentale rimettere al centro i fatti, con un servizio pubblico che diventi luogo di affidabilità

La Rai “si metta al centro della costruzione di un sistema di fact checking insieme alle altre emittenti europee”. A sottolineare questa necessità è la presidente di viale Mazzini, Monica Maggioni, intervenuta a un convegno sulla sicurezza della rete alla Camera. Maggioni ha sottolineato di “averlo chiesto da giornalista e da direttore” e ha aggiunto che ci sta “lavorando da presidente”.

Monica Maggioni, presidente Rai (Foto: Olycom)

E’ fondamentale, ha spiegato, “la rimessa al centro dei fatti come senso del servizio pubblico che si ristruttura come luogo dell’affidabilità”. La presidente della Rai ha poi invitato il sistema a “non usare mai più il termine bufale, perché per le bufale non si va in galera, invece per il falso sì: quindi chiamiamole con la durezza che si meritano”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

Il 90% degli italiani ascolta musica in streaming. Il 74% usa YouTube, poi Spotify (54%), Prime Music (34%), web radio (15%) e Apple Music (9%)

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

La Figc istituisce un tavolo tecnico per la crisi economica dei club e approva nuove norme anti-Superlega

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale

Livio Caputo direttore ad interim del Giornale