Via libera dall’Antitrust Ue all’acquisto di Sky da parte di 21st Century Fox

Via libera – senza alcuna condizione – dagli uffici antitrust della Commissione Europea all’acquisizione di Sky da parte di 21st Century Fox. “Sulla base dei risultati di un’indagine del mercato, la Commissione ha stabilito che la transazione non solleva timori per la concorrenza” sul mercato televisivo europeo, ha affermato il braccio esecutivo della Ue. 

Secondo la Commissione, dunque l’operazione – mira a riunire Sky plc, il principale operatore di televisione a pagamento in Germania, Austria, Irlanda, Italia e Regno Unito Twenty-First Century Fox Inc, che e’ uno dei sei piu’ grandi studio cinematografici hollywoodiani e operatore di canali televisivi come Fox e National Geographic – darebbe luogo solo a un aumento limitato delle parti di mercato esistenti di Sky sull’acquisizione di contenuti televisivi e l’offerta di canali televisivi a pagamento.

Rupert Murdoch (foto Olycom)

Per salire dall’attuale 39% al 100% del capitale di Sky, con un’operazione da 14,3 miliardi di dollari, 21st Century Fox deve ora superare solo l’indagine delle autorità britanniche, che al momento stanno conducendo un’indagine per verificare le eventuali ripercussioni sugli standard di trasmissione nazionali nonchè sul rispetto della pluralità e della diversità d’opinione. Prevista entro il 16 maggio la risposta dell’authority nazionale per la concorrenza. 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Black Friday, boom di tentativi di truffa su web e social. I consigli Codacons per evitarle

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

Cinema e audiovisivo: via al tavolo Mibact per il rilancio del settore dopo l’emergenza Covid

‘Roba da paesi comunisti’. Trump attacca i social e chiede (di nuovo) lo stop a immunità per le big tech

‘Roba da paesi comunisti’. Trump attacca i social e chiede (di nuovo) lo stop a immunità per le big tech